Naspi: in questi giorni tanti la perdono con la nuova normativa, approvato il decreto durissimo

Nuova normativa NASPI, ci sono diversi cambiamenti in atto che fanno perdere il diritto a riceverla. Cosa cambia e quali sono i rischi.

La NASPI è un sostegno economico che per molti italiani è stato un sospiro di sollievo durante i periodi di difficoltà. E’ pensata, per le famiglie e i soggetti individuali che non riescono ad sopperire alle richieste sempre più alte dell’economia e non riescono a trovare un lavoro stabile che permetta loro di stare tranquilli.

Naspi
La nuova normativa NASPI esclude molte persone dal suo percepimento – (Foto: Canva)- (Gentechevainmontagna.it)

Con la nuova normativa, il diritto di ricevere il sussidio economico sembra svanire sotto gli occhi dei cittadini. Ci sono diversi cambiamenti in atto che hanno fatto in modo che la NASPI non fosse più percepibile da tutti. Esploriamo insieme quali sono i cambiamenti e i rischi.

Nuova normativa NASPI: tanti la perdono dopo l’approvazione del decreto durissimo

Da quando è entrata in vigore la nuova normativa riguardante la NASPI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego), molte persone stanno rischiando di perdere questo importante sostegno economico, a causa dei nuovi obblighi imposti dal decreto legislativo numero 60 del 7 maggio 2024. Esploreremo le principali modifiche e i rischi associati alla mancata osservanza delle nuove disposizioni.

Nuova normativa Naspi stringente
La nuova normativa NASPI è stringente e favorisce il ricollocamento lavorativo – (Foto: Canva)- (Gentechevainmontagna.it)

Una delle principali novità, introdotte dal decreto, è l’obbligo per i beneficiari della NASPI di iscriversi alla piattaforma SIISL (Sistema Informativo per l’Inclusione Sociale e Lavorativa). Questa piattaforma gestisce il reintegro sociale e lavorativo delle persone che necessitano di assistenza statale. Ora, anche coloro che ricevono la NASPI devono obbligatoriamente registrarsi su questa piattaforma, pena la perdita dell’indennità.

La registrazione sulla piattaforma comporta la sottoscrizione di vari patteggiamenti, tra cui un patto di attivazione digitale e un patto di lavoro. I beneficiari devono anche compilare un curriculum e partecipare a tutte le convocazioni dei Centri per l’Impiego. Così come ai corsi e ai progetti formativi destinati a loro. Inoltre, devono accettare offerte di lavoro congrue.

La violazione di questi obblighi può comportare la riduzione o addirittura la revoca dell’indennità NASPI. Ad esempio, il rifiuto di un’offerta di lavoro adeguata sarà segnalato all’INPS, che prenderà provvedimenti nei confronti del trasgressore. Questo sistema mira a garantire che i beneficiari della NASPI non rifiutino opportunità lavorative a loro disposizione, contribuendo così al reinserimento nel mercato del lavoro.

Le nuove disposizioni evidenziano il cambiamento nella prospettiva originaria della NASPI. In passato, i beneficiari erano soggetti a pochi obblighi e potevano godere dell’indennità senza particolari impegni. Tuttavia, l’approccio è stato inefficace.

La nuova normativa riguardante la NASPI impone una serie di obblighi ai beneficiari. Al fine di garantire un uso responsabile delle risorse pubbliche e favorire il reinserimento nel mercato del lavoro. Chi riceve questa indennità deve essere consapevole dei nuovi adempimenti richiesti e rispettarli per evitare la perdita dell’importante sostegno economico offerto dalla NASPI.

Impostazioni privacy