“La Società della Neve”, chi sono i veri sopravvissuti della tragedia che ha ispirato il film

Scopri la vera storia de “La Società della Neve” e i veri sopravvissuti della tragedia che hanno ispirato il film, con tutti i dettagli

La Società della Neve è un film che ha suscitato grande interesse e commozione in tutto il mondo. Ma pochi sanno che la pellicola è ispirata a una tragica vicenda realmente accaduta. Nel 1972 un aereo con a bordo una squadra di rugby e i loro familiari si schiantò sulle Ande e solo pochi sopravvissuti riuscirono a resistere per oltre due mesi in condizioni estreme. Ma chi sono questi veri eroi della sopravvivenza? Scopriamolo insieme.

“La Società della Neve”: la tragedia che ha ispirato un capolavoro del cinema

L’Old Christians Club, una formazione di rugby dell’Uruguay, è in procinto di dirigersi verso il Cile. A bordo del volo 571 della Fuerza Aérea Uruguaya il 13 ottobre 1972, ci sono anche altri passeggeri, per un totale di 40 persone, oltre a 5 membri dell’equipaggio. Durante il viaggio, l’aereo viene colpito da turbolenze violente e successivamente perde il controllo, precipitando nel cuore montuoso delle Ande. Le condizioni meteo sono estremamente avverse, con temperature notturne che raggiungono i -30 gradi.

I sopravvissuti devono confrontarsi con il freddo pungente, la fame e una scorta alimentare che si esaurisce rapidamente. Peggiorando la situazione, il governo ha sospeso le operazioni di ricerca, costringendo i sopravvissuti a fare affidamento solo sulle loro risorse. Il film documenta sin dal principio gli allenamenti del team di rugby e la partenza dall’aeroporto come se si guardasse indietro ai ricordi.

La vicenda entra subito nel vivo, gettando lo spettatore nel bel mezzo dell’azione con una sequenza intensa in cui l’aereo inizia la sua discesa fatale. Prima ci sono gli avvertimenti premonitori, seguiti da rumori sempre più forti e l’assenza di visibilità attraverso il finestrino.

Le ande innevate
Foto | @Canva – gentechevainmontagna.it

La collaborazione tra Spagna e Uruguay ha permesso a Bayona di riadattare una storia vera già apparsa sullo schermo in due occasioni precedenti: il film messicano del 1976 I sopravvissuti delle Ande, diretto da René Cardona, e Alive. Sopravvissuti (1993), un film di Frank Marshall con Ethan Hawke. Quest’ultima versione si distingue per la sua drammaticità e intensità. Bayona si è ispirato non solo agli eventi reali, ma anche al romanzo “La società della neve. La storia mai raccontata dei sopravvissuti al terribile disastro aereo sulle Ande” di Pablo Vierci.

Il punto forte del film è la sua capacità di fondere il genere (post)catastrofico, un tema già ben noto al regista spagnolo che aveva precedentemente esplorato gli effetti dello tsunami in Thailandia nel suo film The Impossible, con un realismo nudo e diretto. Così facendo, Bayona ha resistito alla tentazione di romanticizzare la storia, concentrandosi invece su altri sentimenti, le emozioni e il respiro (paura, disperazione, rassegnazione, speranza) dei personaggi, soffermandosi sui dettagli, come i pezzi di carne umana, senza cadere nell’orrore.

Un elemento chiave è presente negli occhi di alcune figure, per esempio del giovane uomo di quasi venticinque anni che attraverso la sua voce fuori campo, accompagna gran parte del film. Un altro momento memorabile e potente è rappresentato dalla tempesta di neve che inghiotte i sopravvissuti, intrappolandoli all’interno dell’aereo per un periodo di cinque giorni.

Che ne è stato dei 16 sopravvissuti del volo 571

La società della neve racconta il tormento e l’eroismo dei 16 individui che sono sopravvissuti al disastro aereo nelle Ande, avvenuto il 13 ottobre 1972.

Sono mancati 2 sopravvissuti: Javier Methol, che era il più vecchio durante l’incidente e ha perso la sua battaglia contro il cancro nel 2015, e José Luis Inciarte, noto come Coche, che è morto nel 2023, anch’egli a causa di un tumore.

I rimanenti, secondo un post sui social media del sopravvissuto Nando Parrado, sono ancora in vita e si riuniscono ogni 22 dicembre per celebrare il giorno in cui sono stati salvati. Esploriamo cosa fanno ora, se hanno costituito una famiglia e quali avventure hanno vissuto negli anni seguenti all’incidente.

Parrado e Roberto Canessa hanno intrapreso un’impresa epica, incrociando un altro individuo dopo dieci giorni di viaggio, un evento che ha dato il via al salvataggio di altri sopravvissuti.

Nel settembre 2023, Parrado, Canessa e Carlos Páez Rodríguez hanno calcato il tappeto rosso all’Esposizione Cinematografica di Venezia. Nel 2006, Parrado ha rilasciato il suo libro, “Miracle in the Andes: 72 days on the mountain and my long trek home”. Roberto Canessa ha tentato di correre per la presidenza in Uruguay nel 1994, ma non è stato eletto. Tuttavia, nel 2016 ha raggiunto il successo letterario con “I had to survive: how a plane crash in the Andes inspired my calling to save lives”. Nel 2019, i libri “Out of the silence: after the crash” e “Carlitospáez: after the tenth day” sono stati pubblicati rispettivamente da Edoardo Strauch e Carlos Páez Rodríguez.

Pedro Algorta, laureato in economia presso Stanford, ha scritto un libro nel 2016 intitolato “Into the mountains: the extraordinary true story of survival in the Andes and its aftermath”. Non tutti, tuttavia, hanno scelto di cercare successo attraverso i loro lavori. Molti hanno preferito vivere una vita riservata, lontano dai riflettori.

Ad esempio, Adolfo “Fito” Strauch, fratello di Eduardo, è un padre di quattro figli e un agricoltore, mentre Daniel Fernández, professore di agricoltura, ha deciso di unirsi al gruppo di sopravvissuti solo dopo 30 anni dalla tragedia. Roberto “Bobby” François ha anch’egli optato per una vita privata, senza mai discutere pubblicamente dell’incidente.

Diversi sopravvissuti hanno raggiunto notevoli traguardi:

  • Gustavo Zerbino detiene la posizione di Direttore e CEO della Federazione Rugby dell’Uruguay, suo attuale ruolo lavorativo;
  • Alfredo Delgado ha trovato la sua vocazione come oratore motivazionale, discutendo spesso della dimensione religiosa del cannibalismo nei suoi discorsi;
  • Antonio “Tintin” Vizintín, dopo aver conseguito una laurea in legge, è stato nominato vicepresidente dell’unione di rugby dell’Uruguay e membro del consiglio amministrativo della Fondazione Viven.
  • Inoltre, tra gli imprenditori si distingue anche Ramón “Moncho” Sabella, uno dei sopravvissuti che ha avuto contatti con i sopravvissuti di un altro grave incidente: il disastro minerario del 2010 a Copiapó.
  • Di Roy Harley si conosce poco, ma è noto che si è sposato nel 1978 e ha contribuito a diversi documentari sul disastro.
  • Allo stesso modo, Álvaro Mangino ha contribuito alla realizzazione del libro Alive: the story of the Andes survivors di Piers Paul Reed, ma ha deciso di condurre una vita tranquilla lontano dai riflettori.
Impostazioni privacy