Bollette: finalmente sarà accreditato il rimborso alle famiglie il 15 giugno, quanto avrai

Bollette e rimborso alle famiglie in arrivo il 15 giugno. Ecco di cosa si tratta, come funziona e a chi spetta.

Incentivi, sgravi fiscali e bonus sono sempre delle grandi occasioni da non perdere in questo periodo di caro vita. Occorre fare molta attenzione, perché le agevolazioni sono talmente tante che spesso sfuggono anche ai più attenti. Bonus e sgravi per lavori di ristrutturazione edilizia sono i più diffusi, ma forse non tutti sanno che esistono anche delle agevolazioni per le bollette.

bollette rimborso famiglie
Bollette, il rimborso alle famiglie sarà accreditato il 15 giugno (Foto Canva) – Gentechevainmontagna.it

Al di là degli sconti in bolletta per i più bisognosi, c’è un sistema di risparmio e di guadagno molto vantaggioso a favore di chi fa delle scelte ben precise sulla fornitura di energia. In particolare per quanto riguarda l’energia elettrica. Chi utilizza questo sistema avrà presto un rimborso in bolletta.

Bollette, il rimborso alle famiglie sarà accreditato il 15 giugno

Se anche voi siete tra quelle famiglie che hanno scelto di ricevere energia elettrica tramite un impianto fotovoltaico senza accumulo e con servizio di scambio sul posto, riceverete un rimborso in bolletta il prossimo 15 giugno. Infatti, chi possiede un impianto fotovoltaico senza accumulo consuma solo l’energia elettrica prodotta durante il giorno dai pannelli fotovoltaici, grazie alla luce solare, ma ne consuma solo una parte, perché l’energia restante viene immessa in rete.

bollette rimborso famiglie
Come funziona il rimborso in arrivo a giugno (Foto Pexels) – Gentechevainmontagna.it

Mentre la sera acquista energia elettrica dalla rete, pagandola in bolletta. Grazie al servizio di scambio sul posto è possibile compensare l’energia elettrica prodotta di giorno e non consumata, ma immessa in rete, con quella prelevata dalla rete in un momento differente, come alla sera, e pagata in bolletta. Il rimborso che le famiglie riceveranno è dovuto proprio a questa differenza. Il servizio di scambio sul posto è un incentivo che era stato introdotto per agevolare l’installazione di pannelli fotovoltaici e che è stato confermato anche per il 2024.

Il rimborso, che in realtà è un contributo in conto scambio, sarà corrisposto dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE). Il prossimo 15 giugno sarà pagato un acconto per il primo semestre, per le convenzioni attive al 31 marzo dello stesso anno. Mentre il secondo semestre sarà pagato il 15 novembre, per le convezioni attive al 30 settembre. Invece, il saldo finale sarà pagato il 30 giugno dell’anno successivo a quello di competenza.

Nell’area riservata del portale del GSE è possibile controllare a quanto ammonta il rimborso / contributo spettante. L’importo dell’acconto per il 15 giugno è disponibile già dal 15 maggio, mentre quello per il 15 novembre sarà disponibile dal 15 ottobre.

Impostazioni privacy