Non gettare via le tue pentole bruciate: prova questo rimedio e torneranno come appena comprate

Le pentole bruciate non devono essere utilizzate perché pericolose ma nemmeno gettate via, grazie a un rimedio validissimo e facile.

Nel tempo le pentole tendono a incrostarsi e quindi progressivamente a bruciare, sia la parte interna direttamente a contatto con gli alimenti, che la parte esterna che invece viene annerita dal fuoco e dal calore. Il problema principale è che si raggiunge un punto di non ritorno che richiede un intervento mirato.

Pentole bruciate: rimedio utile
Come far tornare le pentole bruciate come nuove- (Foto: Web365 Srl)- (Gentechevainmontagna.it)

Utilizzare le pentole in quel modo, vuol dire di fatto impiegare uno strumento, che può essere dannoso per la salute quindi appare chiaro che non ci sono alternative se non quella di andare a rimuovere tutto accuratamente per poter continuare a cucinare all’interno.

Pentole bruciate, cosa fare: il rimedio per farle tornare nuove

Sicuramente il bruciato delle pentole non è qualcosa che si fa in una volta sola, si accumula nel tempo progressivamente, quando la stessa non viene pulita correttamente. Dopo ogni lavaggio quindi è importante fare attenzione a questo dettaglio così si evita dopo di ritrovarsi nei pasticci con una pentola che ormai è da buttare.

Pentole bruciate il rimedio per non buttarle
Il rimedio per le pentole bruciate- (Foto: Canva)- (Gentechevainmontagna.it)

Quando invece si è raggiunto l’apice e quindi la pentola risulti incrostata e annerita per larga parte o laddove sopraggiunga in seguito ad un incidente in cucina, magari quando ci si è dimenticati il fuoco acceso e il liquido all’interno è terminato, allora si può comunque far tornare tutto come nuovo con un po’ di olio di gomito.

Oltre ai metodi intensivi è importante considerare come essenziale il prelavaggio perché permette di ammorbidire tutto. Quando capita di bruciare la pentola sarebbe utile quindi se non fondamentale andare a immergere tutto anche una notte intera in acqua bollente, detersivo sgrassante e bicarbonato. Questi tre elementi andranno ad agire sul bruciato e ad ammorbidire tutto rendendo la rimozione molto più facile.

Per le macchie ostinate quindi non le parti incrostate ma quelle che non sporgono e riguardano proprio il materiale, la tecnica utile è quella di aceto e acqua calda. In particolare bisogna riempire la pentola o se si tratta di una macchia esterna il lavandino di casa.

Inserire acqua calda e mezzo bicchiere di aceto bianco, tutto molto caldo. Quindi versare e poi strofinare o lasciare prima agire se le macchie sono molte. Con questa tecnica la pentola tornerà come nuova. Occorre sicuramente un po’ di pazienza, il tempo utile che progressivamente consenta di rimuovere le macchie di bruciato (questo vuol dire che se la pentola è molto rovinata bisognerà farlo un paio di volte almeno).

Impostazioni privacy