Test di logica, perché il giudice licenzia l’agente? In pochi riescono a trovare la soluzione

Questo test di logica riguarda un giudice, il quale prende una decisione strana, almeno apparentemente. Ma è davvero così o c’è un inganno?

Sai cos’è un test di logica? Si tratta di una specie di esperimento che prova a verificare la tua capacità di immedesimarti in una situazione e prendere una decisione in pochi secondi. Tra poco ti spiegheremo nel dettaglio qual è la scena che dovrai immaginare, ti daremo alcuni dettagli, ma tu dovrai trovare la soluzione e non dovrai assolutamente sbagliare. Sul web, questo test ha mandato in tilt migliaia di utenti, vediamo cosa sai fare!

Immagina la seguente situazione: un giudice antimafia sta lavorando su un caso particolarmente complicato. I malviventi che deve catturare sono pericolosi e gli viene assegnata una scorta. Gli agenti lo seguono tutto il giorno, 24 ore su 24, senza sosta. Domani ci sarà un interrogatorio importante perché qualcuno vuole collaborare con la giustizia ed è necessaria la presenza del giudice. Il pentito viene portato in un posto segreto da un agente, che la mattina successiva viene svegliato proprio dal giudice.

“Signor giudice, stia attento, stanotte ho sognato che le avrebbero fatto un attentato”, urla l’agente appena vede il giudice, il quale decide di rimandare l’interrogatorio, fidandosi del sogno dell’agente. Durante il tragitto trovano una bomba e l’agente riceve una medaglia al merito. Dopo la premiazione, il giudice decide di licenziarlo, nonostante gli avesse salvato la vita. Perché?

Test di logica: la soluzione

Tra poco avrai la possibilità di conoscere la soluzione dell’enigma, in modo da capire se hai indovinato oppure no. Se non hai idea di quale sia la soluzione, non preoccuparti, forse hai soltanto bisogno di maggiore allenamento.

La strana decisione del giudice
Ecco cosa ha stabilito il giudice – gentechevainmontangna.it

Ti ricordiamo che questo test non stabilirà se sei una persona intelligente o no, è soltanto un piccolo passatempo che vogliamo regalare alle nostre lettrici e ai nostri lettori. Sei curioso di conoscere la soluzione? Eccoti accontentato.

Proviamo a ricostruire un attimo alcuni passaggi: il pentito avrebbe dovuto testimoniare in tribunale. Per questo motivo, la scorta ha studiato un percorso e lo ha sicuramente comunicato soltanto agli agenti di turno. Lungo quel percorso è stata trovata una bomba, tranquillamente in grado di ammazzare il giudice, il pentito e tutta la scorta. Il sogno dell’agente, quindi, ha salvato diverse vite, ma non è bastato a fargli conservare il posto di lavoro.

Il motivo è molto semplice, non c’è bisogno di andare alla ricerca di cospirazioni o complotti. La guardia aveva il turno di notte, quindi avrebbe dovuto sorvegliare il pentito per diverse ore. Se ha potuto ricordare il sogno, vuol dire che si è addormentato, mettendo automaticamente in pericolo la propria vita e quella del pentito. Il giudice lo ha capito e ha dovuto per forza licenziarlo a causa del suo comportamento superficiale. Dopo aver ottenuto la medaglia, dunque, l’agente è tornato a casa senza un lavoro.

Impostazioni privacy