Uova di Pasqua, sempre meglio controllare l’etichetta: i rischi per la salute

Le uova di Pasqua non sono tutte uguali. Prima di acquistarle, è meglio leggere bene l’etichetta per scongiurare rischi per la salute.

Fra i dolci più consumati e regalati a Pasqua ci sono le immancabili e gustose uova di Pasqua. Da quelle semplici con cioccolato al latte o fondente, man mano il mercato si è evoluto riempiendosi di alternative diverse: con nocciole, al pistacchio, al cocco, con riso soffiato o mandorle e chi più ne ha, più ne metta.

Uova di Pasqua: come sceglierle
Prima di acquistare le uova di Pasqua, è meglio leggere l’etichetta per scongiurare rischi per la salute – gentechevainmontagna.it

Le uova di Pasqua sono sicuramente la gioia di grandi e piccini ma, quando si acquistano e soprattutto si consumano, bisogna fare attenzione a leggere bene le etichette, perché c’è il rischio di fare molto male alla salute e di danneggiare anche il proprio peso forma. 

Come scegliere le uova di Pasqua

Le uova di Pasqua sono talmente deliziose che un pezzetto tira l’altro. Quando si inizia a mangiarle, quasi si fa fatica a smettere. Eppure, è bene non esagerare.

Uova di Pasqua: quali preferire
È preferibile acquistare e consumare uova di cioccolato fondente con un’alta percentuale di cacao – gentechevainmontagna.it

La dietista dell’Humanitas, la dottoressa Manuela Pastore, ha infatti dichiarato: “Un uovo medio di 230 grammi equivale a circa 1.260 kcal con una percentuale di grassi intorno al 50% e di carboidrati di circa il 40%. Il fabbisogno calorico medio di una donna con vita attiva e peso nella norma è di circa 1.400-1.500 kcal al giorno, quello di un uomo 1.800-2.000 kcal”.

Un uovo di cioccolato non solo può intaccare la forma fisica, ma può anche causare altri rischi per la salute. Infatti, sempre secondo l’esperta, questo ha un apporto nutrizionale totalmente squilibrato e ripercussioni sull’apparato digerente non gradevoli. Per questo l’esperta consiglia di ragionare bene prima di consumare un uovo di Pasqua.

La quantità da mangiare dipende dalle condizioni di normopeso o sovrappeso, dai fabbisogni nutrizionali e dallo stile di vita. In linea generale, comunque, una buona quantità va dai 20 ai 40 grammi, magari come spuntino e nell’ambito di uno stile di vita sano.

Inoltre, sempre secondo la dottoressa Pastore, è consigliabile scegliere quelle al cioccolato fondente, meglio se con un’alta percentuale di cacao. Questa qualità di cioccolato, in piccole quantità, permette di mantenere in salute le arterie. Inoltre, essendo ricco di flavonoidi, che funzionano come antiossidanti, consente di combattere lo stress ossidativo, uno dei fattori di rischio per il cuore.

In conclusione quando ci si trova al supermercato, di fronte alla vasta scelta di uova di Pasqua, scegliere quelle fondenti con un’alta percentuale di cacao può aiutare a mantenere il peso forma e a rimanere in salute.

Gestione cookie